!DOCTYPE html>
Home » Problemi alle orecchie » Cura della sindrome di Meniere

Cura della sindrome di Meniere

da | Mar 2, 2018 | Problemi alle orecchie

Cura della sindrome di Meniere: è possibile?

Al giorno d’oggi non è prevista una specifica terapia volta alla cura completa della sindrome di Ménière. Tuttavia è possibile attenuare molti dei sintomi di questa patologia. Nella maggior parte dei casi viene effettuata la prevenzione degli attacchi di nausea e di vertigini, i sintomi più caratteristici delle prime fasi di sviluppo della sindrome di Ménière. In questo modo si cerca di migliorare il benessere dei pazienti. Per il trattamento di questi sintomi vengono impiegati, principalmente, cure farmacologiche.

Qualora queste non fossero sufficienti, si dovrebbe procedere all’intervento chirurgico. Inoltre vengono attutati i trattamenti relativi alla perdita, totale o parziale, dell’udito, degli acufeni o dell’equilibrio. I farmaci impiegati nel trattamento delle vertigini e della nausea sono principalmente 4, tutti ad azione antivertiginosa e antiemetica, come:

  • Ciclizina;
  • Procrorperazina;
  • Ciclizina;
  • Prometazione.

Questi farmaci agiscono a livello del Sistema Nervoso modificando il messaggio che viene inviato dall’orecchio al cervello. I pazienti dovrebbero assumere questo tipo di farmaci non appena si inizia a provare le vertigini e/o la nausea.

Per evitare che il paziente espella le compresse assunte sotto forma di vomito, i medicinali da assumere vengono forniti in forma da iniezione o in forma solubile, nonché come chewing gum. Un altro trattamento farmacologico molto utilizzato è a base di steroidi.

Azioni di prevenzione

Oltre alla cura della Sindrome di Ménière vengono effettuate molte azioni di prevenzione. La principale è senz’altro la prevenzione farmacologica, che vede l’utilizzo di farmaci come la Betaistina e la Gentamicina. Inoltre per la prevenzione vengono ampiamente utilizzati i beta-bloccanti e i farmaci anti-diuretici.

Trattamenti chirurgici

Questi vengono utilizzati unicamente quando le cure farmacologiche si rendono inefficaci. Principalmente esistono 4 tipi d’intervento chirurgico volto alla cura della Sindrome di Ménière. Principalmente si tratta di:

  1. Labirintectomia, ovvero l’asportazione, totale o parziale, del labirinto orecchiale interno vicino alla zona colpita dalla patologia;
  2. La decompressione del sacco endolifatico viene attuata per diminuire la pressione esercitata dall’endolina all’interno del labirinto orecchiale;
  3. Si può procedere al taglione del nervo dell’equilibrio per interrompere completamente il collegamento nervoso tra il cervello e l’orecchio interno, con la perdita delle funzioni uditive;
  4. È possibile svolgere una costante terapia a micropressione utilizzando un apposito strumento. In questo modo s’inviano degli impulsi a pressione che permettono la defluzione dell’endolinfa con il conseguente abbassamento della pressione interna all’orecchio.

I primi 3 interventi chirurgici sono da considerarsi altamente invasivi. L’ultimo, invece, è un trattamento moderatamente invasivo.

Trattamenti fisioterapici

Per migliorare l’equilibrio del paziente e diminuire i danni a carico del sistema di equilibrio si consiglia di rivolgersi alla fisioterapia. Alcuni studi in merito hanno dimostrato che i trattamenti fisioterapici sono in grado aiutare il paziente a ritrovare la corretta coordinazione.

Il recupero dell’udito e la cura degli acufeni a Sassari

Qualora si verificasse la perdita, momentanea o permanente, dell’udito si potrebbe ricorrere all’uso di apparecchi acustici. Questi sono in grado di aumentare la capacità dell’orecchio di percepire i suoni.

Richiedi maggiori informazioni o un preventivo gratuito senza impegno

Chiama ora o compila il modulo per essere ricontattato!

Privacy Policy