!DOCTYPE html>
Home » Problemi alle orecchie » Cause dei fischi alle orecchie

Cause dei fischi alle orecchie

da | Mar 2, 2018 | Problemi alle orecchie

Cosa sono gli acufieni?

Gi acufeni sono essenzialmente dei disturbi della capacità uditiva che consistono nella presenza di fischi, ticchettii, ronzii o pulsazioni non dovuti però ad uno stimolo sonoro esterno o interno al corpo. Ciò che ognuno di noi percepisce all’orecchio non sono altro che delle elaborazioni dei suoni trasformati in segnali bioelettrici che il sensore quale è l’apparato uditivo opera.

Le cause dei fischi alle orecchie sono meccanismi complessi studiati ancora tuttora dalla medicina. Il fischio all’orecchio deriva anch’esso da segnali molto simili che però si formano da soli, senza input sonori esterni o interni.

Dove hanno origine gli acufeni?

Gli Acufeni possono generarsi in qualsiasi punto dei sistema uditivo come ad esempio:

  • cellule ciliate della coclea, che non sono altro che recettori della parte interna dell’orecchio;
  • nervo acustico, mezzo di trasporto dei segnali al cervello;
  • area uditiva della corteccia cerebrale come i nuclei del tronco encefalico, i quali in caso di durata della patologia, contribuiscono alla percezione di questi cosiddetti suoni fantasma proprio perché allertati dalla situazione anomala;
  • periferia del sistema uditivo, luogo di origine degli Acufeni nella maggior parte dei casi;

Quali sono le cause degli acufeni?

Le cause principali degli acufeni sono principalmente:

  • otiti di vario genere, sia batteriche che virali;
  • otosclerosi;
  • sordità congenita;
  • ipoacusia neurosensoriale;
  • traumi al sistema uditivo;
  • sindrome di Méniere;
  • problemi vascolari nel sistema uditivo;
  • infiammazione del sistema uditivo;
  • intolleranze alimentari;
  • esposizione prolungata a rumori forti;
  • abuso di sostanze tossiche, stupefacenti o di farmaci specifici;

Quali sono le terapie per contrastare gli acufeni?

Essendo molteplici le cause degli Acufeni, esistono anche numerosi e svariati metodi terapeutici per contrastarli. Oltre alle numerose terapie più o meno adatte a curare le singole patologie, ci sono parecchie tecniche di riabilitazione che permettono di ridurre il fischio all’orecchio là dove non è possibile eliminare del tutto la patologia.

La terapia riabilitativa maggiormente conosciuta e praticata è la Tinnitus Retraining Therapy, o TRT. Esattamente consiste nell’induzione del paziente ad abituarsi agli acufeni in modo tale da non percepirli più come fastidiosi.

E’ una tecnica che, in un certo qual modo, va a convincere i centri nervosi del sistema uditivo a filtrare questi segnali sonori non ponendo più attenzione a questi ronzii. Per far ciò il paziente dovrà sottoporsi per un periodo che va dai 12 ai 18 mesi ad un arricchimento sonoro continuativo, tramite degli appositi apparecchi acustici, i quali generano continuamente uno stimolo sonoro particolare, conosciuto anche come rumore bianco, che va a compensare gli acufeni in modo tale che il cervello abbia difficoltà a riconoscerli.

Sul sito potrai trovare una valida assistenza, che ti offre i migliori apparecchi acustici del mercato a prezzi convenienti.

Potrai trovare retroauricolari o anche endoauricolari, più compatti ed invisibili dall’esterno. Oggi giorno non bisogna drammatizzare difronte a queste problematiche, poiché grazie a questi strumenti potete curarle o conviverci.

Richiedi maggiori informazioni o un preventivo gratuito senza impegno

Chiama ora o compila il modulo per essere ricontattato!

Privacy Policy